Oblivium. La profezia dello scrigno – Vol. 2

Carmen Margherita Di Giglio

Firenze 1943. Il giovane capitano delle SS Hans von Rosenberg riceve via Reichspost un piccolo scrigno inviatogli da un mittente sconosciuto. Che cosa rappresenta per lui quell’oggetto? Si tratta forse del dono di un antico amore oppure di una larvata forma di minaccia? Ma un altro interrogativo lo assilla: chi si nasconde dietro la presenza misteriosa e inafferrabile che si aggira nei vicoli di Ponte Vecchio e che sta mettendo in allarme i suoi uomini, impegnati nella lotta antipartigiana in Italia?

Secondo volume della Profezia dello Scrigno, una saga storica ambientata in epoca nazista e pre-nazista, “Oblivium” prende le mosse dal punto in cui si era chiuso “Lo scrigno di Ossian”, il primo volume della serie. Ritornano alcuni dei personaggi più amati della saga, le loro strade si intersecano, lungo un itinerario in cui si mescolano storia e occultismo, amore e morte, manovre spionistiche internazionali e antiche vendette familiari. Dalla Firenze dei vicoli di Ponte Vecchio, con i suoi fantasmi ancestrali, alla Torino sotterranea; dai calanchi della Basilicata, alle cupe foreste delle Alpi Apuane; dalle porte di Auschwitz, fino e oltre le frontiere dell’aldilà: un percorso senza precedenti, un viaggio indimenticabile nei più misteriosi recessi dell’animo umano.

ISBN: 979-1280154095

Serie: La Profezia dello Scrigno

Tipologia:  Cartaceo, edizione in cartonato, Deluxe

Prezzo: €21,00

ISBN: 9788898790999

Tipologia: ebook

Prezzo: €4,99

«Mia cara piccola Frida, ti scrivo questa lettera dal calduccio della mia stanza, presso la stufa accesa accanto alla finestra. Attraverso i vetri, cerco di sbirciare su nel cielo per vedere se dietro le nubi è spuntata la luna, perché so che è la stessa luna che puoi osservare anche tu dal nostro paesello nel Weserbergland . Purtroppo non intravedo altro che un esile nastro di cielo nero, stretto stretto fra i tetti delle case. Giù, nella viuzza deserta, sottili spirali di nebbia fluttuano attorno ai fanali presso la caserma. Che strana questa Italia! E pensa che la chiamano "Il giardino d'Europa!"...»
Carmen Margherita Di Giglio
da "Oblivium. La Profezia dello Scrigno"